RSS

Archivi giornalieri: 6 febbraio 2011

Raccolta Adesioni – clikka per lasciare la tua adesione

Anche a Reggio Emilia ci stiamo mobilitando per  organizzare la manifestazione in occasione della mobilitazione nazionale del 13 febbraio SE NON ORA QUANDO. L’appuntamento è per le ore 15,00 in Piazza Martiti del 7 luglio! Inserisci la tua adesione lasciando un commento.

Il comitato promotore: Giovanna Calvi, Piera Vitale, Donatella Chiossi, Giuliana Guaitolini, Carla Ruffini, Atos Cattini, Ramona Campari, Etelina Carri, Eletta Bertani, Ione Bartoli, Serena Beghi, Sara Iori, Marianella Casali, Silvia Mastronardi, Tina Leonelli, Marina Curti, Maura Bondavalli, Annalisa Sansone, Marina Arrivabeni, Iuna Sassi, Laura Salsi, Gigliola Venturini, Ilenia Malavasi, Sonia Masini, Antonella Festa, Anna Scappi, Emanuela Caselli, Carla Rinaldi, Paola Cavazzoni, Fiorella Ferrarini.

 
157 commenti

Pubblicato da su 6 febbraio 2011 in Adesioni

 

L’appello

In Italia la maggioranza delle donne lavora fuori o dentro casa, crea ricchezza, cerca un lavoro (e una su due non ci riesce), studia, si sacrifica per affermarsi nella professione che si è scelta, si prende cura delle relazioni affettive e familiari, occupandosi di figli, mariti, genitori anziani.

Tante sono impegnate nella vita pubblica, in tutti i partiti, nei sindacati, nelle imprese, nelle associazioni e nel volontariato allo scopo di rendere più civile, più ricca e accogliente la società in cui vivono. Hanno considerazione e rispetto di sé, della libertà e della dignità femminile ottenute con il contributo di tante generazioni di donne che – va ricordato nel 150esimo dell’unità d’Italia – hanno costruito la nazione democratica

Questa ricca e varia esperienza di vita è cancellata dalla ripetuta, indecente, ostentata rappresentazione delle donne come nudo oggetto di scambio sessuale, offerta da giornali, televisioni, pubblicità. E ciò non è più tollerabile.

Una cultura diffusa propone alle giovani generazioni di raggiungere mete scintillanti e facili guadagni offrendo bellezza e intelligenza al potente di turno, disposto a sua volta a scambiarle con risorse e ruoli pubblici.

Questa mentalità e i comportamenti che ne derivano stanno inquinando la convivenza sociale e l’immagine in cui dovrebbe rispecchiarsi la coscienza civile, etica e religiosa della nazione.

Read the rest of this entry »